Drafo

Italian World League (IWL) - your life

34 posts in this topic

Ci si riprova, stavolta nel forum ufficiale di SM, magari avrà più seguito. Visto che quegli stronzi fan promesse e poi si tirano indietro, facendoci sentire molto indiani nelle riserve statunitensi, vediamo che si riesce a fare qui dentro. Anche perché la comunità internazionale è abbastanza quel che è e non ci sa giocare a SM, noi dell'IWL probabilmente rappresentiamo uno degli ultimi baluardi di quel che si definisce "hardcore gaming" relazionato a Soccer Manager, e sarebbe un peccato buttare tutto perché quelle mezze seghe non ci capiscono una bega di marketing & management.

Perciò vediamo se si riesce a ricominciare da qui. Here we go.

Lana., Marek, Alessandro1973 and 1 other like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' stata una cosa davvero inutile. Avevamo una comunità italiana molto ampia con ottima attività. Hanno incentivato persone a lasciare il gioco, hanno reso più difficile l'interazione tra persone. E' stato un fallimento vero e proprio. Un gioco con migliaia di utenti come questo, rovinato e gestito così. Basti guardare lo scempio fatto con i gold..per pareggiare la richiesta di gente che voleva spender soldi per le Big, ne hanno aperti a decine a settimana, col risultato che i Gold, tranne qualcuno, sono morti. Anche un bambino gestirebbe meglio questo gioco.

Davide NbK likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finita la sessione di calciomercato invernale, qui a Birmingham sono cambiate moltissime cose. Abbiamo sentito di voler concludere alcune trattative rischiose ma potenzialmente ottime per diverse ragioni, rivoluzionando molte dinamiche dell'11 titolare e dei relativi sostituti. Ecco la nuova formazione di partenza:

Jack BUTLAND

Aleix VIDAL-Matthias Ginter-Armando IZZO-Mikel BALENZIAGA

Nuri SAHIN-Kevin KAMPL

Lazar MARKOVIC-Gylfi SIGURDSSON-Adem LJAJIC

Luis MURIEL

Trattativa più importante per la prima squadra: fuori Kevin Trapp e Gianluca Lapadula, dentro Aleix Vidal. Da tempo cercavamo un terzino destro già pronto, non avendo alcun sostituto naturale per Najar il quale, peraltro, è stato rotto a lungo. Abbiamo sacrificato Lapadula e Trapp decidendo di puntare fortissimo su Jack Butland, convinti che si confermerà un portiere di livello internazionale dopo l'ottima passata stagione, e sulla crescita del giovanissimo ma promettentissimo Mats Svilar. Peccato che dopo aver concluso la trattativa, Theo abbia deciso di cecchinare la caviglia di Aleix in maniera totalmente gratuita solo perché il Barça gli aveva cacciato in culo sei pere ed Aleix l'aveva saltato per tutta la partita; il terzino termina così la stagione a febbraio mentre il macellaio non s'è preso manco un rosso. Purtroppo nel calcio tentare di rovinare la carriera ad un collega è considerato meno grave di un insulto verbale. Un schifo ma è così. Aspetteremo fiduciosi la ripresa dello spagnolo nella prossima stagione.

Trattativa più importante per la Primavera: fuori Samu Castillejo, dentro Alen Halilovic. La spiegazione è semplice, sono calcisticamente innamorato perso del croato. Samu è sicuramente più pronto, ma mi infastidisce terribilmente che Marcelino lo faccia giocare a tutta fascia quando in realtà lui è un'ala offensiva. Ritengo di aver dato tanto per ottenere tanto, vedremo come evolverà la situazione.

Tra i prospetti più interessanti inseriti nelle nostre giovanili, citiamo in particolare: Vitinho (18, Palmeiras), Ozcan (18, Stoccarda), Mateta (19, Lione), Santiago Bueno (18, Barcellona), Luca Pellegrini (17, Roma), Samuel Kalu (18, Gent), Emmanuel Latte Lath (18, Atalanta) e teniamo sotto stretta osservazione la situazione della stellina colombiana Jorge Carrascal (18, Siviglia), comprato infortunato (abbiamo seguito l'esempio degli andalusi, che ci hanno creduto a tal punto da averlo acquistato seppure già rotto per prendersi cura del suo recupero, e chi conosce il ragazzo sa che è tutt'altro che una pazzia) nella speranza che possa riprendersi al meglio. All'inizio di marzo terminerà la riabilitazione e si potranno fare valutazioni più precise.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Avevo giusto pubblicato in bacheca un post che raccontava il mio mercato di "riparazione". Ricercando a fatica il post nei meandri della bacheca, lo ripropongo in questa sede, sperando che il lavoro di Drafo possa servire a ricompattare la comunità italiana intorno ad IWL.
 
A voi la cronaca della sessione.
 
"Quella che sta per concludersi, è senz'altro una delle sessioni di mercato più esaltanti da quando siedo sulla panchina del Newcastle. Sono partiti giocatori fondamentali, praticamente tutti i top players della squadra, da Vitolo a Schneiderlin, fino a Schurrle.
Sono arrivati giocatori altrettanto (o, spero, più) importanti, campioni affermati e nomi sconosciuti che potranno fare le fortune di questo club: volendo elencarli, presentiamo, per la prima squadra (in ordine inverso):
KLEINHEISLER,
BYRAM,
HELDER COSTA,
SCHOLZ,
BOILESEN,
SCHLUPP,
Ramiro FUNES MORI,
SALVIO,
SISSOKO,
BIGLIA,
MATA.
Ma abbiamo pensato anche al futuro, ingaggiando molti giovani (in buona parte inglesi) nei quali crediamo fortemente:
HAUSE,
BORTWICH-JACKSON,
GUWARA,
COLMAN,
AINA,
O'NEILL,
GEIGER,
GREEN,
AMOS,
MAKRIDIS.
Il post originale, scritto a mercato ancora in corso, necessita di un aggiornamento: arriva infatti anche ANTONIO, in cambio di Guardado; inoltre, in cambio del partente Austin arrivano i giovani talenti BLAS e DE TOMAS.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Roma vince 4 a 2 col Tottenham e allunga sul Lille secondo il classifica, fermato in casa dal Milan. Sul fronte calciomercato ci sono stati gli importantissimi acquisti in difesa di Rojo e Chambers,anche se il secondo arriverà solo a fine anno. Per il resto campionato al momento molto positivo che ci vede al primo posto in classifica, ma il dovere è senza dubbio quello di continuare in questa direzione! Certo che il ritorno dell'IWL sul forum ufficiale ci voleva proprio :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Terminata una sessione di calciomercato piuttosto movimentata in casa Valencia, presentiamo i nuovi arrivati.

Gli acquisti più importanti in termini di rating sono sicuramente due: Sokratis Papasthatopoulos per la difesa e Vitolo per la trequarti campo. Le partenze sono state sicuramente importanti per numero e qualità: nelle due trattative citate ci hanno salutato Funes Mori, Sakho, Aziz, Salvio, Shaqiri, Borthwick Jackson e Steffen.

A rimpolpare la panchina sono arrivati giocatori che stanno facendo bene in questa stagione più alcune scommesse: Yuri Berchiche potrà far rifiatare l'unico terzino sinistro che avevamo, Roque Mesa e Grenier puntellano il centrocampo, mentre sulla trequarti il nazionale olandese Berghuis è in attesa di importanti rivalutazioni. Una menzione particolare per Pablito Piatti, pupillo del mister che all'Espanyol sembra essersi rimesso sulla buona strada.

Oltre alla prima squadra, si è cercato di rinforzare anche il settore giovanile: Lyanco, under 20 brasiliano già vicino alla Juve e Justin Kluivert che si sta ritagliando qualche spazio all'Ajax sono i talenti più puri arrivati. Dalla cantera dell'Espanyol ecco anche Marc Navarro e Melendo, mentre direttamente dal Cile il nuovo terzino del Benfica B Simon Ramirez. Dal sub20 sudamericano inoltre sono arrivati Jorge Segura, difensore colombiano e Amaral, autore di 5 gol nelle fila della nazionale vincitrice.

L'ultimo acquisto è stato più che altro per poter schierare una fantomatica nazionale spagnola: fresco di 6 gol subiti contro il Barça ecco Fernando Pacheco, portiere rivelazione della Liga.

Il probabile 11 titolare sarà il seguente:

Muslera

Piszczek          Sokratis           Inigo Martinez            Bernat

Wanyama        Bruno Soriano

 Vitolo                       Raffael            Konoplyanka

Welbeck

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minutes ago, ThePhenomenal said:

L'ultimo acquisto è stato più che altro per poter schierare una fantomatica nazionale spagnola: fresco di 6 gol subiti contro il Barça ecco Fernando Pacheco, portiere rivelazione della Liga.

Il probabile 11 titolare sarà il seguente:

 

Muslera

 

Piszczek          Sokratis           Inigo Martinez            Bernat

 

Wanyama        Bruno Soriano

 

 Vitolo                       Raffael            Konoplyanka

 

Welbeck

 

Quanto ho odiato quella partita, in anni di SM mai successo di comprare un giocatore chiave (pagandolo peraltro non poco) e vederlo infortunarsi per 5 mesi venti minuti più tardi perché un pirla non ha saputo digerire sei schiaffi lol.  Bella squadra comunque, mercato parecchio movimentato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

RESTYLING PSV: i giocatori presenti nella squadra giovanile sono tutti trattabili. Scambio 1x1 con u21 di pari livello. X aumentare la qualità della prima squadra offro 2x1, 3x1 o 4x1 in base ai giocatori proposti. Precedenza a chi ha giocatori olandesi o a quei giocatori che ho selezionato nelle vs squadre. NO proposte di SOLO contante. Se interessati inviatemi messaggio privato. Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Postiamo i primi colpi di mercato per la prossima stagione:

Dal Villarreal (appena si avrà un nuovo allenatore) arriverà Victor Camarasa in cambio di Jean-Kevin Duverne e Vincent Marchetti

Dal Bayer Leverkusen ecco Zaldivar e Fabian Schar; percorso inverso per Isimat Mirin, Ferreyra e Grenier.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inizia oggi il primo numero della rubrica a tinte bordeaux-celesti: "Sono all'Aston Villa perché...", un excursus incentrato sui protagonisti dei Villains del presente e del futuro. Abbiamo deciso di inaugurare l'iniziativa con uno dei pupilli di coach Youtouchmytralalà: il capitano della squadra Gylfi Thor Sigurdsson, altrimenti noto come il "Beckham islandese".

Gylfi nacque il 26 settembre 1989 nella gelida Reykjavík, capitale dell'Islanda, un'isoletta sperduta tra le acque dell'Oceano Atlantico. L'Islanda non è mai stata un bacino fertile per il calcio europeo, vuoi perché la "febbre del pallone" vent'anni fa era sostanzialmente inesistente, vuoi per lo scarso numero di abitanti complessivi (basti pensare che l'intera nazione conta in tutto meno di un terzo degli abitanti della sola Milano).

Fu in quel contesto che venne alla luce Gylfi Thor Sigurdsson, bagnato da un nome che rievoca contorni da leggenda: Thor era infatti il figlio prediletto di Odino nonché una delle principali divinità scandinave, signore del tuono e del fulmine, mentre il cognome Sigurdsson è condiviso con il leggendario sovrano norreno Ragnar Sigurdsson (noto anche con il nome di Ragnar Loðbrók), uno dei più rispettati eroi dell'intera tradizione vichinga.

Proprio l'epica figura di Ragnar Sigurdsson ha ispirato la recente serie TV "Vichings", la quale narra le gesta di un condottiero noto come Ragnar Lodbrok, la cui figura a sua volta strizza l'occhio a quello che fu probabilmente il più insigne dei condottieri scandinavi: Harald Hardrada, meglio conosciuto come "Harald III di Norvegia", condottiero dei temibili Variaghi di Costantinopoli vissuto nel XI secolo, la cui smisurata ambizione arrivò a far tremare tutta l'Inghilterra come mai nessun guerriero vichingo seppe fare (né farà mai più) prima di allora.

Harald fallì nella sua impresa in seguito alla disastrosa battaglia di Stamford Bridge, ma le sue ambizioni sono state coronate quasi un millennio più tardi proprio da Gylfi Thor Sigurdsson: il primo scandinavo della storia a conquistare l'Inghilterra, sia pure non passandola a fil di spada bensì prendendo a calci un pallone. I piccoli, grandi miracoli di questo sport.

Il nome del ragazzo venne infatti annotato sui taccuini di diversi osservatori britannici, i quali si convinsero a regalargli un biglietto di sola andata per il Paese della Regina nel 2015. Gylfi all'epoca aveva solo 15 anni, ma mostrava già un talento non comune. La sua prima, vera avventura su un campo inglese si consumò indossando la casacca del Preston End ed il 1° ottobre dello stesso anno firmò subito per il Reading, dove fu integrato in prima squadra nel 2007 al termine di un fisiologico periodo di prova nelle riserve.

Da lì Gylfi venne girato due volte in prestito: prima allo Shrewsbury Town, quindi al Crewe Alexandra. I risultati furono confortanti, ed il Reading decise di confermarlo per le stagioni a venire. La scelta si rivelerà azzeccata: il giovane nordico metterà a referto 21 reti in 44 presenze stagionali, vicendo la palma come "miglior giocatore del Reading" per la stagione 2009/10 ed attirando su di sé gli occhi di diversi team europei.

La spunterà l'Hoffenheim, che porterà il ragazzo in Bundesliga per 5,2 milioni di euro. In un anno e mezzo Gylfi Thor Sigurdsson riuscì a timbrare il cartellino 9 volte in 36 incontri, confermando il suo grande feeling con il goal, e le sirene inglesi tornarono a farsi sentire anche in terra teutonica. Il 2 gennaio 2012 l'allora 22enne islandese venne ceduto in prestito con diritto di riscatto allo Swansea, continuando a segnare a raffica anche in Premier League: a fine stagione saranno 7 le reti accumulate in 18 presenze complessive, un bottino degno dei migliori eroi vichinghi.

Grazie alle prestazioni del giovane trequartista, su di lui si scatenò un'asta che venne vinta dagli "Hotspurs" del Tottenham, squadra da sempre attenta ai giovani talenti, che il 4 luglio 2012 acquistò il ragazzo per 10 milioni di euro. Tutte le saghe però arrivano ad un punto in cui la storia non va esattamente come vorremmo: è proprio questo a renderle così avvincenti. Per Gylfi Thor Sigurdsson quel momento si presentò nell'istante preciso in cui lo "Special Two" André Villas-Boas, allora manager degli Spurs, decise di relegare l'islandese ad un ruolo da comprimario sulla fascia destra, preferendogli come numero 10 il gioiellino danese Christian Eriksen.

Gylfi divenne improvvisamente irriconoscibile: nelle sue vene scorreva il sangue vichingo dei suoi avi, una miscela di coraggio, spregiudiatezza e senso dell'avventura che lo spingeva costantemente a ricercare la razzia ed il bottino nella metà campo avversaria. Sfortunatamente per lui, le incursioni non erano più cosa sua: relegato ai margini del gioco, intrappolato in una posizione così tragicamente distante dalla gloria della conquista più sublime, Gylfi Thor Sigurdsson fu pervaso da una melanconia preoccupante che, a poco a poco, lo rese l'ombra di sé stesso.
Al termine del biennio saranno 8 le reti messe a referto in 88 partite, condite da quattro assit: un bottino insufficiente per l'islandese di Reykjavík, che sognava di far cadere l'intera Inghilterra ai suoi piedi; per il Tottenham, anche.

Sventuratamente detronizzato da un'altra gemma di origini scandinave, beffato in uno scontro fratricida che l'aveva voluto perdente in partenza, Gylfi - come impone la tradizione della narrativa epica - decise di tornare alle origini per ritrovare sé stesso. Così il suo sguardo si spostò nuovamente in direzione del Galles, verso quello Swansea che, solamente un anno e mezzo prima, gli aveva permesso di sfoggiare tutto il suo talento dinanzi agli occhi del mondo intero.

Fu il 23 luglio 2014, tra lo scetticismo generale, che iniziò la seconda parte di questa storia: la rivincita di un guerriero vinto sì dal Fato, ma assolutamente determinato a riprendersi quanto la sorte gli avveva indebitamente sottratto. Perché forse, in fondo, al Tottenham sapevano di non avergli mai concesso realmente una possibilità; presto se ne sarebbero resi conto anche loro.

Con la casacca dei Cigni, il brutto anatroccolo dal sangue norreno rinacque: 7 reti e 10 assist in 32 presenze nella stagione 2014/15 (delle quali una rifilata proprio a quel Tottenham che solo l'annata prima l'aveva così frettolosamente ripudiato), addirittura 11 centri e 2 assist in 36 presenze l'annata successiva. L'Europeo 2016 lo confermerà eccezionale anche con la maglia della Nazionale islandese, che sorprenderà per tutta la rassegna arrendendosi solo ai Quarti alla Francia padrona di casa (nemmeno a doverlo specificare, Sigurdsson risultò il miglior marcatore dei suoi tra qualificazioni e fase finale). Era ormai chiaro a tutti: Gylfi il Conquistatore era tornato. Ed i giornalisti che prima mormoravano distrattamente il suo nome, iniziarono a pronunciarlo con quell'enfasi rispettosa che viene tributata solo ai migliori.

La stagione corrente è quella della definitiva consacrazione: a 27 anni quel ragazzino partito dalla calcisticamente anonima Reykjavík ha finalmente raggiungo la piena maturità, confermandosi come uno dei diamanti più brillanti di tutta la Premier League, numeri alla mano:

-28 presenze
-8 goal (17° a parimerito con Giroud, Walcott e Pedro)
-11 assist (miglior assistman del campionato)
-206 cross andati a buon fine (miglior crossatore del campionato davanti proprio ad Eriksen con 200 e De Bruyne con 190)
-11,3 km percorsi di media a partita
-per numero totale di tiri verso la porta e per tiri nello specchio (un 45% di precisione al tiro che lo vede davanti a mostri sacri come Ibrahimovic ed Aguero, fattore che diventa ancora più sorprendente considerando che la maggior parte dei tiri di Gylfi arrivano da fuori area).

Statistiche che diventano ancora più impressionanti considerando che Sigurdsson da solo, tra goal e assist (19), ha determinato il 53% dei goal totali della squadra in campionato (36), e che il secondo miglior assistman dello Swansea è a quota 2.

Oggi la stampa britannica è unanime nel definire Gylfi Thor Sigurdsson come il giocatore più sottovalutato dell'intera Premier League, ed anche dalle parti di White Hart Lane il rimpianto non è indifferente, come confermato dalle dichiarazioni dell'attuale manager Mauricio Pochettino ("Sigurdsson sarebbe stato perfetto per me al Tottenham [...] Avevamo 34 giocatori in prima squadra, non c'è stato il tempo di valutarli tutti. E' una vergogna, ma volte nel calcio non puoi sapere cosa succederà").

Su questo Pochettino ha ragione, non si può sapere cosa il futuro ci riservi. Ma una cosa ora è certa: tra cadute, prodezze e battaglie eccezionali, Gylfi Thor Sigurdsson è stato il primo islandese a conquistare davvero l'Inghilterra. Well done, Gylfi. O meglio: SKAL!

Glyfi completa la frase "sono all'Aston Villa perché...": "Perché sognavo di conquistare l'Inghilterra, e oggi sono il Re di Birmigham. Direi che è andata bene, no?".

Il commento di coach Youtouchmytralalà: "Qualche mese fa mi chiesero per quale ragione mi piacesse così tanto Sigurdsson. Risposi che era lunga da spiegare, ma in fondo per capirlo basta guardarlo giocare a calcio".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con un comunicato apparso sul proprio sito, il Besiktas annuncia il proprio consenso all'elezione di Marek in FIGC!

"Siamo molto grati a Saviano per il ruolo svolto fino a questo giorno. Il suo arrivederci segna una svolta epocale per questo mondo di gioco. In tutte le grandi società ci sono dei cambiamenti, l'importante è assorbirli e diventare più forti! Dal proprio canto, il Besiktas, comunica il proprio appoggio al duo Marek-Murilo. Siamo sicuri faranno un bel lavoro!"

Sul fronte mercato, tornando alla nostra squadra, ci son stati tantissimi movimenti!

 

OUT: Bernardeschi, Andrè Andrè, Cataldi, Mauro Dos Santos, Sturaro, Nordtveit, Piccini e Cordoba

IN: Walace, Amiri, DiMarco, Maitland Niles, Reece Oxford, Targett, Gregoritsch, Ponce e Castagne

Tanti movimenti! Per un Besiktas che cerca di mischiare futuro e presente!

"La società, inoltre si congratula con squadra ed allenatore per una tranquilla salvezza in Serie 1! Obiettivo difficile ma centrato alla grande. E' un peccato perdere un tassello come Federico per l'anno nuovo, ma aveva bisogno di un altro palcoscenico..gli auguriamo il meglio a Madrid, da un Fiorentino come Dario!"

Drafo and Marek like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti.

In questo post riassumo tutti gli scambi conclusi con le relative date di sblocco... promemoria per me e per tutti i manager con cui ho concluso scambi:

 

Bayer ---> MAX CASH + SEFEROVIC   X   BONY (già disponibile)

Tottenham ---> SPORTIELLO + REKIK   X   CARRILLO (19 aprile)

Real Madrid ---> BERNARDO + SCHOPF + LLORENTE + NTCHAM   X   DANILO + VLASIC + MARIN (19 aprile x terminarlo)

Porto ---> PAULISTA + STEPINSKI   X PRAET + DUARTE (18 Aprile)

Milan ---> WASS + CABELLA + FREI   X   VERTOGHEN (disponibile)

Besiktas ---> CATALDI + J. CORDOBA   X   TARGETT + PONCE + CASTAGNE (disponibile)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Facciamo il punto sul mercato del Newcastle in vista della prossima stagione:
a) scambio Michail Antonio per Gonzalo CASTRO con il Chelsea;
B) dall'esterno, già definiti gli arrivi di due giovani difensori, il danese Joachim ANDERSEN del Twente e l'olandese Joey GROENBAST del Go Ahead Eagles;
c) opzionato inoltre l'attaccante Chris WOOD, che sta facendo sfaceli col Leeds in Chanpionship, vedremo se prenderlo o lasciarlo quando sarà il momento;
d) infine, siamo in corsa nelle aste per i talenti Vinicius Junior e Joao Filipe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco le trattative concluse dal PSV che verranno ratificate nella prossima stagione:

SAINT MAXIM ceduto al Porto per KARELIS, XHAKA e ATSU

PEREIRA ceduto al Montpellier per NOURI e SCHURMAAN

GRUJIC e KRANEVITTER ceduti al Sao Paolo per PEPE

OXFORD REEC e MAITLAND ceduti al Besijktas per NORVEIDT

BERNARDO SILVA, AGUSTIN e BERGWIJN per MODRIC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ascolto offerte x i seguenti giocatori:

Pinheiro (19-75)
Loftus-Cheek (21-82)
Chirivella (19-78)
Baker (21-85)
Brannaghan (20-77)
Aarons (21-78)
Nathan (21-82)
Crowley (19-78)
Solanke (19-82)
Rapajic (19-73)

Offro 2x1, 3x1 e 4x1 (per giocatori di particolare interesse)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come richiesto, pubblico le varie trattive ufficiali, ma che devono ancora completarsi:

  • BOUDEBOUZ per MARIO SUAREZ+RUPP (AC MILAN)
  • BADIASHILE ed HECTOR per max cash (MONACO E FULHAM)
  • DUARTE e PRAET per STĘPIŃSKI+PAULISTA (RANGERS)
  • SAINT-MAXIMIN per KARELIS+XHAKA+ATSU (PSV)

Spero di non aver dimenticato nessun accordo, in caso contrario avvertitemi in mp e lo farò presente qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arriva un Orange in casa PSV: Vilhena firma un contratto di 5 anni. Sarà lui a raccogliere l'eredità lasciata da Xabi Alonso, prossimo al ritiro. Salutiamo Loftus-Cheek e Solanke. Grazie al River x la trattativa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Limite 60 giocatori, i dettagli

Manager senza condizioni particolari (ovvero nella stessa panchina da almeno una stagione): limite 60 entro fine sessione attuale (turno 8)

Manager entrati in corsa la scorsa stagione o su nuove panchine: limite 60 giocatori entro inizio prossima sessione (turno 17)

I manager senza condizioni particolari possono continuare ad offrire alle esterne dal turno 8 in poi, pur avendo più di 60 giocatori: NO (se al turno 8 avranno ancora più di 60 giocatori; con 60 giocatori potranno offrire normalmente)

I manager con condizioni particolari possono continuare ad offrire pur avendo più di 60 giocatori: SI (fino al turno 17, dopodiché si applicherà la stessa regola scritta sopra)

Punizione (per entrambi i casi): mercato bloccato con le esterne (non con le interne) se non si rientra entro la prima sessione utile (turno 8/17 a seconda della vostra condizione, che potete leggere sopra)

In caso non si rientri nemmeno nella sessione successiva (turno 17/turno 25 a seconda della vostra situazione), dunque non si tratta più di sviste, la penalità sarà, oltre al mercato esterno bloccato, la vendita RANDOM di giocatori u21 85-.

Per chiarimenti, mandatemi un PM sul gioco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre vigili sul mercato in attesa di un colpo che possa fare la differenza (ma senza sacrificare i delicati equilibri di squadra) presentiamo le due formazioni che verranno schierate in Campionato e in Coppa:

MUSLERA

 

PISZCZEK

SOKRATIS

INIGO MARTINEZ

BERNAT

 

WANYAMA

BRUNO SORIANO

 

VITOLO

RAFFAEL

KONOPLYANKA

 

WELBECK

 

zoet

 

mallo

ruiz

schar (in attesa che si concluda lo scambio con il leverkusen)

vrsaljko

 

roque mesa

coquelin

 

gelson martins

rafa silva

piatti

 

viera

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now